Come scegliere il barbecue per la casa

Come scegliere il barbecue per la casa

Quando la bella stagione è alle porte cucinare all’aperto diventa quasi un piacere, con l’arrivo delle belle temperature puoi organizzare una bella grigliata magari in giardino e invitare amici e parenti per gustare insieme un buon arrosto e dell’ottima carne alla brace.

Potete cucinare alimenti di ogni tipo e in pochissimo tempo: dalle salsicce al saporito hamburger di manzo, potete assaporare cotolette e bistecche di varie carni ma anche del pollo o un buon pesce.

Di solito il barbecue è dotato di un’ampia griglia realizzata in acciaio inox o ceramica per diffondere il calore sui cibi in maniera uniforme e cuocere gli alimenti senza alcun problema: è possibile cucinare un gran numero di pietanze anche contemporaneamente grazie alle dimensioni capienti delle griglie.

A differenza dei tradizionali metodi di cottura, il barbecue conferisce alle vostre pietanze un sapore genuino, leggermente affumicato e dal gusto inconfondibile perfetto per le persone che amano la carne, il pesce o il pane caldo.

Quali tipologie di barbecue esistono

Spesso l’estetica o lo stile del barbecue ci porta a scegliere un modello piuttosto che un altro ma non sempre è la soluzione migliore.

Per cucinare al meglio e cuocere i nostri cibi in maniera ottimale non serve acquistare solo un buon barbecue ma occorre saper scegliere anche gli accessori giusti, sapere come pulirli e come utilizzarli, è importante dunque conoscere le tipologie, il funzionamento e le caratteristiche di ogni singolo prodotto.

In questa guida elenchiamo i modelli più conosciuti e utilizzati sul mercato e indichiamo alcuni piccoli accorgimenti e consigli utili per acquistare il modello più adatto a voi.

Barbecue a gas

I barbecue a gas sono solitamente omologati per uso esterno e presentano dimensioni variabili a seconda del modello scelto e molto più ampie rispetto a quelli a carbone. Questo modello di solito è dotato di due vassoi ad imbuto, uno grande e capiente e uno piccolo utilizzato per la raccolta dei grassi, l’imbuto in acciaio smaltato è studiato appositamente per evitare il contatto diretto del fuoco con i cibi e proteggere il bruciatore.

Esemplare il termometro per controllare la temperatura di cottura e la pratica vaschetta raccogli grasso.

Il principio di funzionamento è lo stesso dei barbecue a carbone anche se in questo caso il supporto per la carbonella è sostituito da un bruciatore a gas ad anello, il gas utilizzato può essere metano o gpl ma non mancano neanche i classici modelli per installazioni fisse.

Per chi non ha molta dimestichezza con la cucina a fuoco, il barbecue a gas rappresenta la soluzione ideale per cuocere i cibi in maniera rapida e veloce, apparecchio comodo da trasportare e facile da gestire che non necessita di controllo nella fiamma durante la fase della combustione o di approvvigionamento del materiale.

Con il gas è possibile modificare le temperature a differenza dei barbecue tradizionali, per questo motivo è perfetto per chi desidera regolare la cottura, inoltre può anche essere utilizzato come fornello per saltare le verdure e friggere.

Barbecue a carbone

Modello con coperchio smaltato e fori per la ventilazione dotato di una griglia di cottura che può rotare a 360° con apposita apertura per l’inserimento della carbonella. Questo pratico strumento è fornito con alcuni accessori a richiesta come piani e cestelli di appoggio o griglie portautensili per facilitare la cottura e cuocere in assoluta autonomia, i modelli tradizionali prevedono anche un termometro integrato per monitorare la cottura dei cibi.

La cottura è di solito indiretta grazie alla forma tondeggiante del coperchio che rende uniforme la temperatura, indispensabile anche il pratico vassoio d’acciaio a forma di imbuto disposto sotto la griglia per raccogliere i grassi e gli oli di cottura e assicurare un arrosto salutare e più leggero. Ideale per chi vuole cucinare i cibi senza toccare la brace o girarla di continuo e perfetta anche per i meno esperti.

Barbecue elettrico

Il barbecue elettrico presenta dimensioni abbastanza ridotte e permette una cottura ottimale e senza l’emissione di odori e fumi fastidiosi, valida alternativa soprattutto per chi non dispone degli appositi spazi per installare un barbecue da giardino.

Questa tipologia funziona utilizzando la corrente e se non si ha una presa elettrica non può essere trasportato facilmente da un luogo all’altro, di solito i residui di cibo non cadono sulla griglia ma finiscono in un apposito raccoglitore di liquidi per i cibi.

Il barbecue elettrico si riscalda velocemente riducendo i tempi di attesa per la preparazione della brace e non disperde fumi e odori lasciando la casa completamente pulita, ideale per cucinare alla piastra con temperature elevate senza troppo dispendio nella gestione della cottura e garantire un cibo dal gusto saporito come quello cotto alla brace.

In commercio è possibile trovare modelli differenti con piastra fissa o girevole per cuocere tutti i tipi di cibi o con due o più griglie per limitare le emissioni di fumo con la caduta dei liquidi dei cibi durante la cottura, il barbecue elettrico è la soluzione ideale se vivete in un condominio o in appartamento, facile da collocare nel balcone di casa o sul terrazzino.

Braciere

Modello formato da una piastra che costituisce il fondo e da una griglia frontale realizzata in acciaio e ghisa perfetta per collocare i cibi. Disponibile solitamente nella variante orizzontale e verticale: il braciere orizzontale presenta una serie di aste metalliche ravvicinate per consentire il sostegno della brace sul piano e la caduta delle ceneri in un raccoglitore sottostante.

Il braciere verticale invece presenta una griglia disposta in altezza e un contenitore in grado di resistere alle alte temperature, utilizzato per cuocere gli spiedini e un buon arrosto senza abbrustolire o bruciare il cibo disposto sulla piastra.

Si tratta di una cottura genuina in quanto i grassi che colano non finiscono sulla brace ma vengono raccolti in una leccarda, in questo modo potete controllare meglio la vostra cottura anche se questo tipo di strumento non è utilizzabile per tutti i tipi di cibi.

Conclusioni sulla scelta del barbecue ideale

Sul mercato esistono modelli innumerevoli con forme e dimensioni che ben si prestano alle esigenze del singolo individuo, ottimo il costo sostenuto che lo rende accessibile e alla portata di tutti anche se questo varia a seconda della tipologia scelta e della qualità del prodotto. Di solito un barbecue realizzato in acciaio e alimentato a carbone ha un costo che si aggira dalle 150 euro alle 900 euro, mentre i barbecue a gas con piastra lavica o ghisa costano dai 300 ai 500 e massimo.

Scegliere il barbecue per molti è una scelta di vita, dopo aver individuato le caratteristiche di ogni singolo modello potete acquistare il prodotto che più si avvicina al vostro gusto: scegliete un barbecue a carbonella se desiderate gestire la cottura in maniera autonoma e avete una vera e propria passione per il barbecue, per ottenere risultati soddisfacenti invece utilizzate un modello a gas, se siete stanchi degli odori e fumi fastidiosi rilasciati durante la brace potete optare per barbecue elettrici o a metano.

Per garantirvi un funzionamento ottimale occorre una pulizia e una manutenzione accurata, lavate se necessario la griglia dopo l’uso per evitare che questa si incrosti e assicuratevi che questa sia ben fredda per evitare di bruciarvi.

Articolo a cura della redazione di www.rotex.net/blog

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*