Erbe Aromatiche

Erbe Aromatiche

Le erbe aromatiche hanno da sempre affascinato, per i loro fiori colorati, per i loro profumi che inebriano ogni zona in cui sono poste, per la loro capacità di aromatizzare e conservare i cibi in maniera naturale e salutare e per le loro proprietà terapeutiche, riconosciute dalla scienza.

L'uso delle erbe aromatiche per scopi terapeutici è noto sin dall'antichità
L’uso delle erbe aromatiche per scopi terapeutici è noto sin dall’antichità

In passato, molti popoli usavano bruciare queste erbe in onore delle loro divinità, o per propiziare un buon raccolto o per celebrare il nascituro; e mentre queste ardevano ci si rese conto dei benefici che apportavano e di quanto fossero rilassanti alcune o lenitive altre.
Così si cominciò a coltivarle anche per uso terapeutico: ancora oggi le nostre città custodiscono antichi chiostri e giardini medioevali dove venivano coltivate, da speziali e da monaci, erbe aromatiche che venivano curate e custodite gelosamente e che rendevano questi angoli unici e splendidi. Era una vera propria arte che dopo un declino, è stata ripresa con più vigore di prima.
Splendidi come tavolozze d’artista sono ad esempio i giardini aromatici inglesi o provenzali o della stessa campagna italiana: cespugli rigogliosi di salvia grigia, puntellati dal viola della lavanda e dall’azzurro della borragine; macchie di verde basilico tra cespugli di sempreverde timo; rosmarino e alloro potati a siepe e alberelli.

La caratteristica delle piantine aromatiche è la loro essenza, le loro inebrianti fragranze che nella maggior parte dei casi non sono legate ai loro fiori, ma alle loro foglie: i fiori possono appassire ma il loro profumo persisterà. Basterà toccare o strofinare le foglioline o esserne circondati in una calda giornata di sole per essere invasi dalla piacevolezza dei loro odori, derivanti proprio dai preziosissimi oli essenziali.

A parte alcune come la menta, che ama l’umidità e l’ombra, le erbe aromatiche sono piante mediterranee prevalentemente “eliofile”, cioè amano il sole e l’aria aperta, e un terreno ben drenato, lontano da quelle piante infestanti che soffocano le loro radici e le tolgono nutrimento.
Sono piante che naturalmente soffrono l’inverno, quindi è bene pulire e pacciamare con del pagliericcio il terreno, per preservarle dal freddo, qualora non sia possibile metterle al riparo.

Vedi anche  Un giardino rustico
Oltre ad essere apprezzata per le sue proprietà terapeutiche, la lavanda è molto utilizzata anche nel settore della cosmesi
Oltre ad essere apprezzata per le sue proprietà terapeutiche, la lavanda è molto utilizzata anche nel settore della cosmesi

Ci sono piante aromatiche come la camomilla, la lavanda e la calendula le cui proprietà sono nei fiori, da raccogliere proprio al principio della infiorescenza. Negli altri casi è bene tagliare le inflorescenze, perché l’auto-inseminazione potrebbero essere rischiose per la pianta. Le parti usufruibili e da estrarre sono gli steli (nel finocchio o nell’angelica ad esempio) prima della fioritura; i semi (il coriandolo o il cumino o il ginepro) prima che la piantina in piena maturità si secchi; i bulbi dopo l’inflorescenza (ad esempio la cipolla e l’aglio); le radici; le foglie prima dell’inflorescenza (la menta, il pungente rosmarino, la delicata salvia e il basilico).

Molte tra le più usate erbette donano non solo gusto ma anche benefici per la salute. Sono notissime da secoli le proprietà antibiotiche, antiossidanti e antitumorali dell’aglio. Il basilico è perfetto per rinsaldare le ossa il buon funzionamento del sistema immunitario. L’alloro contrasta la sinusite e grazie ai tannini contrasta il diabete. La maggiorana allevia gli stati ansiosi, l’ansia e l’irritabilità. La salvia aiuta la memoria e le funzioni cerebrali in malattie come l’Alzheimer.