“Mal bianco”: come eliminarlo

“Mal bianco”: come eliminarlo

Il “mal bianco”, conosciuto anche come oidio, albugine o nebbia, è una malattia delle piante dovuta ad un infezione fungina (Oidium). Quando le piante vengono colpite da questa, sulle loro foglie si forma una specie di polvere di colore biancastro, conseguenza di una eccessiva produzione di spore da parte di questo fungo.

Se non eliminato in tempo, il “mal bianco” causa la rovina delle foglie delle nostre piante, che diventano spente ed indebolite, e, nei casi più gravi, si distruggono completamente.

Le piante più colpite da questa malattia fungina sono solitamente quelle che vengono usate in cucina, come il basilico, il prezzemolo ed altre spezie. Tuttavia, il fungo oidio può colpire anche alberi come il melo, le querce e la vite, rallentandone la crescita e compromettendo, quindi il raccolto.

Come prevenire ed eliminare questo problema? Ecco i rimedi più comuni ed efficaci

Un decotto di Equiseto può essere un ottimo rimedio contreo il mal bianco.
Un decotto di Equiseto può essere un ottimo rimedio contro il mal bianco.

“Mal bianco”: come eliminarlo?

Il primo passo per “combattere” la presenza di questo fungo, è quella di controllare frequentemente le nostre piante e di agire prima che questo le rovini completamente. Se, controllando le nostre piante, quindi, notiamo la presenza di queste fastidiose spore fungine, è indispensabili munirsi subito di zolfo in stato liquido oppure in polvere. Questa speciale sostanza è infatti in grado di devitalizzare le spore del fungo ed evitare che l’infezione si diffonda in tutta la pianta. In alternativa, è possibile utilizzare anche lo zolfo ramato, sostanza particolarmente efficace per risolvere questo tipo di problema. Per sconfiggere il “mal bianco”, lo zolfo andrà applicato su tutta la pianta, dalle foglie agli steli. Oltre allo zolfo, vengono spesso utilizzati altri antioidici funghicidi, come i derivati pirimidinici, benzimidazolici oppure triazolici.

Un altro metodo efficace per eliminare il “mal bianco” è quello di cospargere le piante colpite con un decotto di equiseto, pianta conosciuta anche come “coda di cavallo”. Questo preparato è al 100% biologico ed è molto facile da preparare: basterà versare all’interno di un contenitore delle foglie di equiseto (1 kg se sono foglie fresche oppure 150 grammi se le foglie sono essiccate) e 5 litri d’acqua. Cuocere il decotto a fuoco basso per circa 60 minuti e lasciare riposare il composto fino a che non raggiungere la temperatura dell’ambiente. A questo punto basterà filtrare il decotto, diluirlo ulteriormente con dell’acqua e spruzzarlo sulle piante.

“Mal bianco”: come prevenire la comparsa del parassita

Dal momento che il “mal bianco” tende a presentarsi durante i periodi caldi ed umidi, in particolare tarda primavera ed inizio autunno (quando la temperatura sarà essere superiore a 6°, ma inferiore a 30°), è consigliabile effettuare questi trattamenti a scopo preventivo prima di questo periodo, preferibilmente durante l’inverno.

Per prevenire l’infezione durante l’estate, cercare di innaffiare le piante durante il giorno, così da evitare la formazione di ristagni d’acqua. Posizionare inoltre le piante in una zona ben aerata e potarle in zone specifiche così da mantenere l’intera chioma esposta ad aria e sole.