La Talea: come effettuare la talea legnosa

La Talea: come effettuare la talea legnosa

Per talea si intende quella particolare operazione di riproduzione di una pianta, ottenuta tramite asportazione di una parte della suddetta pianta e successivo inserimento in acqua o terreno. Sono possibili diverse tipologie di talee, che si distinguono per le modalità di esecuzione dell’operazione.

Talea erbacea

Questa tipologia di talea si adatta particolarmente a piante erbacee di dimensioni medio/piccole, piante perenni o vivaci, ed anche nel caso di piccoli arbusti. Per la riproduzione di alberi o arbusti di dimensioni maggiori, si preferisce ricorrere al altri tipi di propagazione.
Questa operazione si effettua normalmente verso la fine dell’inverno o ad inizio primavera, asportando un rametto di adeguate dimensioni, avendo l’accortezza di prelevare anche una porzione del ramo a cui la talea era agganciata.

Talea legnosa

E’ il sistema solitamente utilizzato per gli arbusti di grandi dimensioni oppure per gli alberi. Il periodo ottimale per l’effettuazione di una talea legnosa è l’autunno o verso la fine dell’inverno.Si procede mediante una asportazione di una significativa porzione di un ramo rigoglioso, effettuando un’incisione nelle immediate vicinanze di un nodo legnoso.
La talea legnosa normalmente sviluppa una lunghezza inferiore ai 20 centimetri, ed è realizzata mediante il prelievo del singolo ramo con la presenza minima di un nodo della pianta. Questi rami vengono inseriti direttamente nel terreno, rispettando l’accorgimento di interrare un nodo legnoso, perché proprio in quel punto si svilupperà la radice nuova. E’ buona norma asportare le foglie dalla parte da interrare, per migliorare il vigore della talea e la sua capacità di riproduzione.

Talea di radice

E’ una procedura scarsamente utilizzata, ad eccezione di qualche tipologia di pianta per cui è specificatamente consigliata.
Questa talea di radice viene effettuate nei mesi di febbraio e marzo, con asportazione di una parte della pianta completa di radice e di apice radicale, con un diretto inserimento nel terreno.

Talea di cactus

Queste genere di talea ha una grande possibilità di successo, essendo praticata su piante che ramificano con estrema semplicità. Oltre ai cactus, da cui prende il nome, questa talea si utilizza per tutti i tipi di piante cosiddette succulenti.
E’ particolarmente consigliato nel caso di piante ammalate, procedendo con il prelievo delle talee sane, che rappresenteranno una riproduzione fedele della originaria pianta.

Precauzioni per effettuare una perfetta talea

Per ottenere una talea perfetta è necessario dotarsi di un coltello molto tagliente, oppure di apposite cesoie in grado di effettuare un taglio secco senza imperfezioni. Una pulizia accurata dopo ogni singolo utilizzo di questi strumenti è caldamente consigliata.
L’incisione della talea va realizzata con profilo obliquo, esattamente come si usa per l’operazione di potatura dei rami in eccesso.
Per aumentare la probabilità di successo della talea, è buona norma somministrare adeguati ormoni radicanti prima dell’interramento della talea, per rinforzarne lo sviluppo e la ramificazione.