Stella di Natale (Euphorbia pulcherrima): come curarla, esposizione e annaffiatura

Stella di Natale (Euphorbia pulcherrima): come curarla, esposizione e annaffiatura

Quando si parla della Stella di Natale si fa riferimento ad una pianta tipica del periodo natalizio. L’Euphorbia pulcherrima, infatti, viene scelta da molte persone per decorare la propria casa in modo del tutto naturale: soluzione efficace anche per via della sua colorazione rossa tipica del Natale. Ma bisogna tener conto di alcune utili informazioni per quanto concerne la cura di questa pianta che sotto molti aspetti è assai delicata. Coloro che ne hanno un esemplare amano averla sempre colorata anche dopo il Natale e ciò sarà possibile mediante delle accortezze precise.

Come curare la stella di natale?

Innanzitutto sarà utile ricordare che l’Euphorbia pulcherrima va posta in una zona della casa dove possa essere esposta per più ore possibile alla luce del sole. La cosa essenziale è che non sia esposta a fonti di calore che potrebbero notevolmente rovinarne l’aspetto col passare del tempo, così come sarà bene evitare di esporla a colpi d’aria.

Per quanto concerne invece l’acqua di cui questa pianta ha bisogno è da tenere presente la sua origine: infatti la Stella di Natale è nata in Messico per cui non necessita di un quantitativo eccessivo di acqua. La cosa a cui bisogna fare più attenzione è il tipo di terreno sottostante che non dovrà mai essere del tutto asciutto. Qualora ci si accorga che esso sia asciutto, è importante annaffiare senza esagerare. Infatti la Stella di Natale può notevolmente soffrire e rovinarsi nel momento in cui si formano dei ristagni di acqua che sono una minaccia notevole per la pianta. Anche alle foglie bisogna fare grande attenzione quando si annaffia il terreno in quanto non dovranno mai essere bagnate.

Stella di natale pianta

Stella di Natale: come conservarla

La Stella di Natale in questo modo potrà durare per molto tempo e ancor di più se si tengono presente delle indicazioni per farla rifiorire. Infatti quando ci si accorge che le foglie si sono seccate, basterà reciderle mediante delle cesoie: mentre si fa questa operazione è bene indossare dei guanti poiché la linfa di Euphorbia pulcherrima potrebbe essere urticante.

Non ci sarà neanche bisogno di rinvasare la Stella di Natale immediatamente dopo averla ricevuta: grazie alle sue caratteristiche essa può resistere per diversi mesi. Andrà cambiato il vaso solamente prima dell’inizio dell’estate facendo attenzione ad optare per un vaso che abbia dimensioni poco superiori rispetto al vaso originario. Inoltre è sempre utile porre dell’argilla espansa sul fondo che permetterà di mantenere il terreno sempre bagnato.

Per molti la Stella di Natale è una pianta che dura giusto il periodo delle feste e invece non è affatto così. Questa pianta è uno degli esemplari che, con la giusta cura, può durare per tutto l’anno. La prima cosa da fare dopo le feste, non appena iniziano a seccare completamente le foglie, è quella di recidere i rami di circa dieci centimetri verso fine febbraio. Essa andrà poi tenuta completamente all’ombra durante il periodo estivo per poi concimare il terreno intorno al periodo di settembre. In questo modo ci si potrà accorgere come la Stella di Natale tornerà a cacciare i suoi tipici fiori. Un segreto utile per ottenere fiori splendidi e colorati è quello di mettere la pianta in una zona completamente all’ombra tra le 5 di pomeriggio e le 7 di mattina nel periodo di settembre.