Erica: come coltivarla in giardino

Erica: come coltivarla in giardino

L’Erica è una pianta penne arbustiva originaria del Mediterraneo e dell’Africa del Nord. Questa pianta predilige appunto un clima temperato come quello del Bacino di mare che bagna le nostre terre. Ci sono anche diverse specie che sono spontanee e si trovano anche in zone con un clima diverso: questo sottolinea la vera natura di queste piante. Ma si può coltivare in giardino? La risposta è affermativa: la pianta può essere coltivata in giardino e non ha bisogno di particolari cure.

Erica: ecco come coltivarla in giardino

cespuglio erica in fiore

Abbiamo chiesto alcuni consigli ad un giardiniere specializzato, titolare di un’azienda di giardinaggio a Milano, su quali sono le cure ed i segreti per avere sempre una pianta di erica rigogliosa e in buona salute. Questa pianta è molto incline all’adattamento, dunque non serve un ambiente particolare per farla crescere. L’importante è posizionarla in un luogo fresco e arieggiato. L’esposizione non è fondamentale, ma comunque bisogna avere qualche accortezza anche in questo caso. Durante l’estate non esponete l’Erica direttamente alla luce del sole, ma datele comunque modo di trovare la giusta fonte di calore. Una cosa da evitare è assolutamente il calcare: questa pianta non deve assolutamente riceverlo, dunque se vi trovate in una zona con acqua calcarea è bene cercare un altro tipo di fonte.

Per poterla coltivare in giardino bisogna partire dalle basi, ovvero dal terreno. Proprio per il fatto che non sopporta il calcare, il terreno deve avere una composizione acida e deve essere ben drenato. Ci sono particolari tipi di terriccio che aiutino la pianta a svilupparsi. Anche l’innaffiatura gioca un ruolo fondamentale in una coltivazione da giardino. Come già detto non si deve assolutamente irrigare la pianta con acqua di natura calcarea e non bisogna darle grandi quantità di acqua. L’ambiente migliore resta quello umido, dunque posiamo usare tutti gli espedienti del caso per poter cercare di mantenere il tasso di umidità.

La fioritura e la temperatura ideale per far crescere l’Erica

Il freddo non è un problema per questa pianta, ma il troppo caldo potrebbe portare degli scompensi anche durante la fioritura. Si può coltivare anche in vaso, ma l’ideale sarebbe una zona umida direttamente nel terreno: questo porterebbe alla creazione di un microclima favorevole per la crescita e lo sviluppo dell’Erica. L’esposizione al sole può essere fondamentale: la pianta non odia totalmente il sole, ma un’esposizione diretta potrebbe portare a danni permanenti che potrebbero comprometterne la salute.

Stranamente le fioriture avvengono in un momento particolare dell’anno, con temperature tra i 7° e i 15° C. Infatti in inverno hanno un’ottima fioritura, visto che i risultati sono permanenti. Una pianta ornamentale davvero unica, che potrebbe dare un risultato incredibile in qualsiasi giardino. La potatura gioca un ruolo assolutamente fondamentale nella salute di questa pianta. L’erica va infatti potata annualmente, per poter eliminare i fiori appassiti: in questo modo gli arbusti potranno avere una vita sicuramente più sana. La potatura è molto utile anche per chi vuole mantenere la giusta forma della pianta. Per chi vuole curare questa pianta al meglio dovrà fare attenzione al ragnetto rosso: in questo caso basta esclusivamente aumentare le nebulizzazioni e mantenere umido tutto l’ambiente circostante.