Arte topiaria: realizzazione siepi artistiche

Arte topiaria: realizzazione siepi artistiche

L’ars topiaria, meglio nota con il termine italiano arte topiaria, è l’arte che permette di potare alberi e piante per dare loro una forma geometrica o astratta.

Con l’arte topiaria il giardino cambia del tutto il suo aspetto: non è più un piccolo angolo di verde, fonte di ossigeno per gli esseri umani, ma assolve a una funzione ulteriore, ovvero quella di deliziare gli occhi di chi lo osserva.

Con l’arte topiaria non esiste forma che non sia possibile realizzare: si passa dalle semplici ma ben tenute siepi, ai giardini con alberi e piante ispirate alle forme geometriche o, nelle migliori delle ipotesi, con l’aspetto di uomini o animali tra cui i più comuni sono l’elefante, il rinoceronte o, nel caso del parco al Campidoglio, la Lupa Capitolina.
Siepe a forma di animale

 

Origine

Sebbene l’uomo di oggi si vanti di avere raggiunto traguardi importanti, quella dell’arte topiaria non è una conquista dei nostri giorni ma ci è stata tramandata dai nostri antichi predecessori romani. È nell’antica Roma che, per deliziare gli imperatori, i parchi e giardini vengono curati con minuzia dai giardinieri che fanno crescere ogni pianta con amore, dandogli una forma anche grazie all’aiuto di strutture metalliche per arte topiaria.

Ed è, infine, sotto l’impero di Vespasiano che l’arte topiaria raggiunge il suo massimo splendore, lasciando ai posteri idee e tecniche ancora oggi molto apprezzate.

Tecnica dell’arte topiaria

Non esiste una sola tecnica dell’arte topiaria. Tutto cambia in base al tipo di pianta che si vuole utilizzare. In generale, però, esistono delle regole sempre valide.

Vedi anche  Piante aromatiche: come coltivarle in casa

La prima, in assoluto, è la regola della pazienza! Non ci si può improvvisare esperti dell’arte topiaria, ma ci vogliono anni di studi e di esperienza.

Quando si sceglie di avvicinarsi a questa arte è bene avere la consapevolezza che bisognerà munirsi di molta pazienza. Col tempo si imparerà a conoscere la pianta, le sue caratteristiche e i suoi tempi di crescita. È importante rispettare i suoi tempi, nonché i tempi di potatura.

Solo dopo aver preso dimestichezza con la pianta, e avere imparato a gestirla, sarà possibile iniziare a creare le siepi artistiche.

Se la pianta o l’albero su cui si desidera esercitare l’arte topiaria si trova in un giardino, è bene evitare di collocare più esemplari uno accanto all’altro: ogni pianta per crescere bene ha bisogno di avere il suo spazio. Inoltre, avere più esemplari vicini, anche se di forme diverse, rischia di appesantire troppo il paesaggio.

Prima di iniziare a potare le piante e gli alberi, inoltre, è necessario conoscere bene il terreno e capire se si presta alla crescita sana della pianta. L’arte topiaria, infatti, non è solo dare una forma alla pianta, ma è anche mantenerla. Senza un’attenta manutenzione, infatti, la pianta perderà facilmente la sua forma, a prescindere dall’uso di strutture metalliche. Nell’ipotesi in cui il terreno non dovesse risultare adatto, la coltivazione della pianta da ornare dovrà avvenire in un contenitore in pietra o mattoni, da internare per almeno per i due terzi.

Quanto alla potatura, va eseguita con cesoie dalle lame ben affilate.

La potatura va fatta in più momenti per evitare che la pianta si indebolisca. Le diverse potature vanno fatte a intervalli di un mese circa, evitando che la pianta resti spoglia alla base.

Vedi anche  Piante invernali e fiori per il balcone

 

Arte topiaria bosso

Arte topiaria piante adatte

Per un risultato garantito è necessario che le piante da ornare abbiano una struttura che permetta di lavorare bene i rami. Per questa ragione, le piante che presentano tutti i requisiti sono il ligustro, il carpino bianco, il tasso ed il bosso nano, comune e macrophilla.
Quest’ultimo, in particolare, permette di essere davvero molto fantasiosi.
In linea generale, comunque, si prestano ad essere ornate con l’arte topiaria tutte le piante sempreverdi a crescita contenuta.

Arte topiaria forme

L’arte topiaria non si trova solo nei parchi più prestigiosi delle grandi città: spesso anche nei giardini ben curati di ville private è possibile vedere piante a forma di sfera o di cubo. Anche quella è arte topiaria.
In genere, se si lavora con piante come bosso e tasso, che sono cresciute liberamente e in modo quasi selvaggio, è possibile conferire la forma di cono. Arte topiaria: come fare?

Questa forma è abbastanza facile da realizzare: sarà sufficiente acquistare un sostegno dalla forma conica, conficcarlo nel terreno e legarlo al fusto. La circonferenza verrà tracciata da uno spago legato alla sommità della pianta, da una parte, ed a pezzetti di legno conficcati nel terreno.

Un’altra forma molto semplice è quella della sfera, realizzata con un supporto su cui viene disegnata una mezza circonferenza.

Forme per arte topiaria

Per realizzare le forme di animali, invece, è necessario utilizzare una struttura in robusto fil di ferro. La struttura va conficcata nella pianta e con molta cura bisognerà legare le branche principali della pianta a essa. In questo modo la pianta crescerà seguendo la forma che le abbiamo voluto dare.

Vedi anche  I lavori di Novembre: fiori invernali e piante balcone

Chiaramente, col tempo le foglie andranno a coprire la struttura metallica, che non sarà più visibile a occhio nudo.

Infine, se si hanno a disposizione piante coltivabili in vaschette, è sufficiente acquistare una buona struttura metallica a forma di numero. Con molta pazienza e maestria sarà possibile realizzare un calendario all’interno del vostro giardino.