Pianta di ibisco: caratteristiche e peculiarità

Pianta di ibisco: caratteristiche e peculiarità

La pianta di ibisco è una pianta delle Malvacee originaria dell’Asia Minore, in particolare della zona di Istanbul, di cui ne esistono circa duecento specie. I fiori dell’ibisco sono particolarmente conosciuti perché grazie al loro infuso si ottiene il the al karkadè, molto apprezzato perché porta notevoli benefici al nostro organismo. Ad esempio sono note le sue proprietà antiossidanti, ma non solo.

Il karkadè migliora la circolazione del sangue, combatte la ritenzione idrica, migliora la funzionalità del sistema immunitario e del sistema nervoso, protegge dal colesterolo e svolge un’azione antinfiammatoria. Inoltre il suo gusto è davvero gradevole, ed è una bevanda che può essere consumata calda o fredda.

Fiori ibisco significato

Il fiore d’ibisco è considerato il simbolo di una “bella estate” dal momento che fiorisce solo in quella data condizione. Di conseguenza, donare un fiore di ibisco significa augurare di trascorrere piacevolmente i mesi estivi. In Europa, già dall’età Vittoriana, questo fiore ha preso il significato di “bellezza delicata“, poiché la sua durata va dalla mattina al pomeriggio.

Nel Nord America, invece, è simbolo di avvenenza, fecondità, devozione. Nella cultura giapponese,  il fiore di ibisco dà il benvenuto amichevole a chiunque arrivi. Per saperne di più ti consigliamo la lettura del nostro articolo sul significato dei fiori.

Fioritura ibisco

I fiori della pianta di ibisco sono considerati estremamente belli e sbocciano principalmnte a settembre. Possono avere colori diversissimi tra loro, che vanno dal bianco al rosa e dal giallo al rosso. Non hanno un profumo deciso, bensì un’essenza molto leggera. La loro delicatezza fa sì che durino un solo giorno.

Vedi anche  Irrigazione agrumi: scopri tutti i segreti

Pianta ibisco da esterno

La pianta di ibisco viene coltivata solitamente come alberello o siepe ornamentale. La sua resistenza agli agenti inquinanti come ossidi, azoto, anidride solforosa e alle condizioni climatiche avverse la rendono perfetta per stare all’aperto.

Può essere piantata in giardino o in vaso a patto che si scelga un luogo soleggiato e caldo, non esposto a correnti fredde. Vediamo come procedere alla semina e come funziona la sua fioritura.

Semina ibisco: come muoverci?

Il periodo migliore per la semina dell’ibisco va dalla primavera fino all’autunno. Il contenitore, se decidiamo di piantarlo in vaso, deve avere un diametro di circa 25 cm o di due volte la dimensione delle radici. Il vaso deve essere dotato di fori per il drenaggio dell’acqua e deve contenere terriccio argilloso, possibilmente arricchito con del compost.

La fioritura ibisco da esterno può avvenire tra luglio e ottobre, a seconda della specie e delle condizioni climatiche di quel dato periodo.