Piante spinose

Le siepi non sono altro che disposizioni di piante in filare, le quali, in genere, sono sempreverdi, al fine di assicurare la copertura in tutti i mesi dell’anno. Esse possono essere anche a foglia caduca oppure contraddistinte da piante da fiore (in quest’ultimo caso, però, non è garantita la copertura venendo preferita la funzione di ornamento).

Le piante che costituiscono una siepe possono essere destinate a usi differenti: in merito, bisogna ricordare come sia necessario considerare tale aspetto sulla base del terreno, del clima e dell’esposizione alla luce solare. Inoltre, esse possono appartenere a molteplici specie.

In particolare, coloro che desiderano ottenere un elemento protettivo indirizzano, spesso, la propria scelta verso quelle spinose. Infatti, in natura, le spine svolgo l’importante ruolo di custodire bacche e fiori, tenendoli fuori dall’attacco da parte di roditori, uccelli ed erbivori. Ad esempio, si può fare riferimento alle spine di rovo, le quali sono in grado di proteggere le more.

Tipologie di piante spinose: le collocazioni ideali

Le piante che presentano delle spine rappresentano un’arma difensiva molto utilizzata ed efficace per quanto riguarda la protezione di scuole, di parchi e condomini. Infatti, esse vengono spesso posizionate a ridosso dei confini di tali luoghi, al fine di rafforzarli, ma anche di scongiurare delle indesiderate intrusioni. Ebbene, volendo fare innanzitutto riferimento a una specie autoctona caratterizzata dalle fioriture più belle, seppur poco coltivata, si può citare il biancospino, ovvero il Crataegus oxycanthaParticolarmente adatto a essere collocato sotto le finestre o, comunque, in aree di facile intrusione, si consiglia di prediligere parti ombreggiate.

Per le siepi, invece, è preferibile optare per le specie appartenenti al genere Berberis, sia a foglia caduca sia sempreverdi. Nelle zone umide, poi, può essere coltivato il raffinato Agrifoglio e le romantiche rose. Infine, quando ci sono delle pareti, potrebbe risultare un’ottima idea coltivare il Pyracantha, ovvero una pianta spinosa che si presta perfettamente a ricoprire superfici verticali che presenta, in più, la particolarità di offrire delle buonissime bacche e dei fiori bianchi molto profumati. Dove poi si vuole evitare il calpestio dei passanti, è bene posizionare il Pungitopo (conosciuto anche come Ruscus aculeat), la Colletia paradoxa nonché la Ginestra di Spagna.

Le piante spinose antiintrusione

Le siepi spinose, alla luce di quanto già affermato, possono essere considerate delle recinzioni naturali utili a proteggere le proprietà da occhi indiscreti nonché da malintenzionati. Dalla crescita densa e dai rami spinosi, si consiglia di coltivare a tal fine:

  • Rosa Rugosa
  • Prugnolo selvatico
  • Biancospino

Si tratta, infatti, di piante con un’altezza variabile dai 30 ai 60 centimetri.

 
Vedi anche  Erbe Aromatiche
Chiudi il menu
chiama fai click
chiama
chiama gratis e senza impegno 0694801968