Disinfestazione blatte

Piccoli insetti infestanti sfortunatamente attratti dalle vostre cucine. Stiamo parlando delle blatte, o più comunemente conosciute come scarafaggi: la loro invasione è certamente pericolosa in quanto, oltre a portare danni irrimediabili alle derrate alimentari, esse fungono da veicoli per microrganismi patogeni e parassiti che mettono in pericolo l’uomo e gli altri animali.

Le tre specie di blatte più diffuse in Italia sono: la Blattella germanica (o fuochista), la Blatta orientalis (o scarafaggio nero) e la Periplaneta americana (o scarafaggio rosso, annidata soprattutto nella rete fognaria dei centri urbani).

Come si può scongiurare un’infestazione da blatte?

È necessario arrivare a conoscere le loro abitudini e pensare come loro. Anche se bizzarro, chiedetevi infatti: se io fossi una blatta, dove mi nasconderei? 

Farvi questa domanda vi aiuterà innanzitutto a prevenire la loro presenza, e allo stesso tempo a intervenire, se l’infestazione è già presente, per eliminarle per sempre.

 

Dove si nascondono le blatte?eliminare blatte cucina

Pensando all’habitat ideale per le blatte, dovete immaginare qualunque posto che sia buio, silenzioso e caldo, ancora meglio se umido. Ecco che subito ci viene in mente la cucina, ma anche le cantine, tutti i magazzini delle derrate alimentari, i garage, i locali caldaia, gli ospedali, gli uffici, le scuole, gli esercizi di ristorazione.. ognuno di questi è un ambiente potenzialmente a rischio.

Le blatte, grazie al ridotto spessore del loro corpicino, sono in grado di insinuarsi ovunque: i raccordi fognari e le colonne di scarico sono importanti vie di collegamento che possono farle giungere ai bagni, cucine, nonché direttamente negli appartamenti superiori di condomini o di edifici. I punti critici dove le blatte potrebbero annidarsi sono: scollamenti delle piastrelle di pavimentazioni e rivestimenti murari, guarnizioni dei frigoriferi, vani sotto i lavandini, tombini di scolo, pareti perlinate, separatori in cartongesso, paraspigoli scostati, controsoffittature. 

Prendendo consapevolezza di ciò, prima di arrivare ad intervenire con una disinfestazione, si può operare con un’accurata prevenzione.

  • rendete l’ambiente il meno accogliete possibile agli insetti e riducete le loro vie d’accesso, ispezionate rigorosamente i ‘punti critici’, quindi, e chiudete crepe e fessure;
  • ponete gli alimenti sempre al loro posto e ripulite in modo scrupoloso gli ambienti da ogni eventuale, appetibile, residuo di cibo;
  • smaltite sempre i residui di cibo ed eliminate le perdite d’acqua anche apparentemente insignificanti: umidità e briciole attraggono molto le blatte nemiche;
  • controllate gli involucri delle derrate alimentari che possono rappresentare un veicolo di blatte, ed eventualmente eliminate gli imballaggi non necessari dopo ogni trasporto;
  • nei ristoranti e nei centri cottura pulite accuratamente le attrezzature, soprattutto le cappe aspiranti.

Come sterminare le blatte?

La lotta contro le blatte si struttura in due tipi di intervento.

Il primo è la disinfestazione con l’uso di insetticidi liquidi irrorati e nebulizzati.

Innanzitutto si trattano, attraverso idropulitrici, quelle che sono le superfici di probabile transito delle blatte, con prodotti specifici. L’obiettivo è far avvelenare l’insetto mentre questo cammina sulle superfici trattate; qualora l’infestazione sia della blatta orientalis, il trattamento si deve completare con l’applicazione dell’insetticida anche negli scarichi, scoli e raccordi fognari dello stabile.

Se siete riusciti a localizzare efficacemente tutti i punti di ritrovo segue poi il trattamento di tutte le possibili zone ‘ricovero’ delle blatte: crepe, fessure e interstizi. Si utilizzano biocidi ad effetto snidante, che vogliono mettere in fuga gli scarafaggi ed eliminarli con l’effetto degli insetticidi.tipi di blatte

Il gel contro le blatte

Una formula di disinfestazione blatte che ultimamente ha riscontrato maggior successo è tramite l’uso di un gel, a base di fipronil, non nocivo all’uomo e agli animali domestici, e impiegato infatti anche per il basso impatto ambientale che comporta.

Si applicano poche gocce di questo gel, che fungono da vere e proprie esche: esso contiene alimenti graditi alle blatte ma anche un principio insetticida, per cui esse lo ingeriscono, e poi avvelenate tornano ai rifugi. Attraverso un rapido effetto domino, contagiano anche le altre blatte tramite i loro resti o le loro feci, quindi si autodistruggono.

Il gel ha un’azione prolungata di 12 settimane, e offre anche un’ulteriore protezione da eventuali ricolonizzazioni. 

 

Vedi anche  Potatura acanto in autunno

La disinfestazione: quanto costa?

Per risolvere il problema blatte una volta per tutte, è fortemente consigliato evitare il fai-da-te e affidarsi ad una ditta professionale

Considerate che il motivo fondamentale non è tanto la pericolosità delle operazioni e dei prodotti usati, quanto il fatto che le blatte sono animali infestanti difficili da estinguere, e di solito un singolo intervento non è mai quasi sufficiente a debellare un’infestazione. 

Grazie alla nostra esperienza e serietà, le nostre ditte vi proporranno di effettuare un ciclo di interventi per poter risolvere l’infestazione in maniera definitiva e tenere lontano nuove ondate.

I costi di una disinfestazione delle blatte possono variare in base all’estensione dell’area da trattare, del tipo di ambiente su cui intervenire e al livello di infestazione, più o meno grave.

Il prezzo per un intervento di disinfestazione si aggira intorno ai 90€, e ai 270-300€ per un ciclo di interventi. 

Ogni caso di infestazione è diverso da un altro. Contattaci per avere un consulto dai nostri professionisti e un preventivo gratuito con sopralluogo!