Gli agrumi: conosciamoli meglio

Gli agrumi: conosciamoli meglio

Gli Agrumi – così chiamati perché in latino “acer” significa ‘aspro’ – sono tra le piante più coltivate dall’uomo e, in alcune regioni, possono nascere anche spontaneamente. Ne esistono moltissime varietà ma, per semplificare, possiamo dividerli in tre grandi categorie:

  • Citrus: rientrano in questa categoria gli agrumi più consumati, tra cui limone, arancia, mandarino, cedro, bergamotto, pompelmo e chinotto;
  • Fortunella: in questa categoria rientra la fortunella margarita, che è il più conosciuto;
  • Poncirus: si tratta dell’arancio trifogliato.Tipi di agrumi

Proprietà dei frutti degli agrumi

I frutti degli agrumi sono ricchissimi di vitamina C e potassio, che è una componente fondamentale per la nostra salute. Sono estremamente consigliati in inverno, quando le nostre difese immunitarie si abbassano e siamo più soggetti a raffreddori e malanni stagionali.

Vediamo quali sono le varietà di agrumi più conosciute:

  • Limone: è uno degli agrumi più utilizzato al mondo; disponibile tutto l’anno, può sostituire il sale in cucina, aggiungendo sapore e riducendo il sodio nelle nostre diete;
  • Lime: agrume tropicale caratterizzato da una nota dolce e piccante e dall’assenza di semi; particolarmente adatto per insaporire cibi e bevande;
  • Arancia da tavola: ricca di vitamine C e A, oltre a consumarne la polpa, possiamo utilizzare le scorze per candirle o ricoprirle di cioccolata;
  • Arancia da spremuta: è più piccolina dell’arancia da tavola ma molto succosa; generalmente è più chiara all’interno e più scura all’esterno;
  • Mandarino: presenta una forma un po’ schiacciata, la buccia è spessa e il gusto è piuttosto aspro; contiene più fibre e zuccheri rispetto agli altri agrumi;
  • Clementina: il sapore è simile all’arancia ma più dolce e semplice da sbucciare; è l’agrume preferito dei bambini, la sua polpa è saporita e succosa e presenta un notevole apporto energetico che deriva principalmente dal fruttosio;
  • Pompelmo: dalla sua buccia si ricavano degli oli essenziali che hanno potere antidepressivo e inoltre contribuiscono ad aumentare le difese immunitarie;
  • Bergamotto: particolarmente apprezzato perché aiuta a contrastare il colesterolo e ad attenuare gli effetti dell’avanzamento dell’età; può essere usato per la preparazione di marmellate, sciroppi o anche candito per la preparazione di dolci.
Vedi anche  La Talea: come effettuare la talea legnosa

Agrumi: un elenco

Vediamo un elenco di nomi degli agrumi:

ArancioBergamottoCedro
ChinottoClementinaCombava
KumquatLimettaLimone
MandarinoPomeloPompelmo
Ecco invece gli agrumi ibridi:
  • Lipo: nasce dall’incrocio tra limone e pompelmo
  • Mapo: nasce dall’incrocio tra mandarino e pompelmo
  • Pompìa: diffuso principalmente in Sardegna, è una varietà di limone
  • Limo: agrume originario della Campania, simile al bergamotto o alla limetta palestinese

Cucinare con gli agrumi

Sono moltissimi i piatti che puoi cucinare utilizzando gli agrumi. Noi te ne suggeriamo tre, ma puoi anche divertirti a crearle in base ai tuoi gusti. Vediamone alcune:

  • Insalata di polpo agli agrumi
  • Arista agli agrumi
  • Alici marinate agli agrumi